Corchiano, chiusa già da tre anni la biblioteca comunale

Riceviamo e pubblichiamo da i consiglieri comunali Battisti Bengasi, Martini Livio, Nardi Paolo, Troncarelli Paola

La biblioteca comunale con il suo patrimonio librario e la sua sala multimediale è chiusa da tre anni. Troppi. Luogo di relazioni e di confronto per giovani e meno giovani, la biblioteca dai primi anni Ottanta ha incoraggiato buone letture e contribuito alla crescita culturale della nostra comunità. Ora non può cessare la sua attività nel disinteresse dell’amministrazione comunale. Non può rimanere ancora con le luci spente e le porte chiuse.

Anche il Presidente della Repubblica in occasione dei 150 anni dell’associazione degli editori ha tenuto a sottolineare quanto i libri – i classici, i romanzi, i saggi, i manuali per la scuola, i volumi per le università – siano vettori di sviluppo e di diffusione della cultura del nostro Paese. Aggiungendo inoltre che la lettura è anche una storia di libertà. E di consapevolezza nella libertà, aggiungiamo. Senza libertà non può esserci confronto, dialogo, apertura di orizzonti. Per questo auspichiamo che le porte del nostro luogo di libertà possano molto presto riaprirsi. Di conseguenza, come consiglieri di minoranza, siamo disponibili a collaborare affinché la nostra bella biblioteca possa riprendere il cammino per dare a tutti la possibilità di conoscere, riflettere, immaginare.