84esima Assemblea Nazionale Avis a Riccione nel segno del dono

Palazzo dei Congressi di Riccione  con oltre 1.000 delegati in rappresentanza di 3.400 sedi e 1.300.000 donatori di sangue. È l’84esima Assemblea Nazionale edizione 2019 il cui tema è “RETI SOLIDALI – le nuove rotte del volontariato del dono”.

Il primo appuntamento di una tre giorni che esprime il cammino di un Avis Nazionale, testimonianza di un un impegno per la crescita sociale del Paese, a sostegno della salute dei cittadini.

84esima Assemblea Nazionale Avis, Riccione 2019

Presente in sala Polissena il presidente della regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, il vicesindaco del comune di Riccione, Laura Galli, ed il prefetto di Rimini.

Un’evoluzione del mondo Avis in questi anni, atta a soddisfarne al meglio le esigenze.
È il presidente nazionale Gianpietro Briola a fare il punto della situazione associativa, che è ormai una realtà nel Terzo Settore.
L’intento è quello di proporre  un’immagine forte e controllata anche nei social network, con una rete di collaborazioni sul territorio.
60.000like di Facebook, 20.000 ascoltatori Radio Avis nel 2018 e lancio di “Giallo plasma”per la prima volta e patrocinio per Pubblicità Progresso.

Un momento di stimolo e confronto con numerose analisi e dati del presidente Briola in un dettagliato resoconto. I giovani sono uno dei punti fondamentali e, come sottolineato dal presidente Briola, bisogna “dimostrare  loro quanto sia importante il volontariato, dando l’esempio, non solo nelle bacheche virtuali, ma nel reale”.

Cita Papa Paolo VI : “Il mondo non ha bisogno di maestri, ma di testimoni”, ed è  su questo che il Presidente spinge, perché il “volontariato va oltre l’individuo”, come scrive il presidente Mattarella nella Giornata del donatore il 5 dicembre scorso.

“Avis è rispetto verso il prossimo a cui dedichiamo il nostro essere volontari – prosegue il presidente Briola, perché l’Avis parte dall’ inclusione degli altri e degli esclusi. Senza relazioni perdiamo l’anima”.

L’Avis, quindi,  ha come punto fondamentale il  rispetto dell’altro, dove tutti sono chiamati e delegati in  questo incarico.

Gianpietro Briola conclude sostenendo che bisogna “Recuperare la mitezza, in un mondo che urla continuamente: mitezza nei toni, nelle espressioni. Volontà di essere parte di un disegno comune  restando coerenti con le nostre idee,  attenti alle mediazioni”.

Del resto,  per poter andare lontano, è meglio correre insieme.

Marco Fioravante, presidente provinciale Latina

Presenti per Avis Regionale  Lazio, il presidente  Fulvio VicerèMarco Fioravante, presidente provincialedi Latina, che affianca  il presidente nazionale nei rapporti istituzionali, il Consigliere Nazionale Mauro Marinelli. Referente per i delegati del Lazio: Federico Notarangelo.

Per Viterbo: Diego Biffaroni, presidente provinciale, nonché il presidente Comunale  Luigi Ottavio Mechelli.