ArtsTogether, a Roma la conferenza sui risultati del progetto della lotta allo svantaggio educativo dei bambini migranti

ArtsTogether, a Roma la restituzione dei risultati di un progetto che per due anni ha unito 5 paesi europei sul fronte della lotta allo svantaggio educativo dei bambini migranti

Creare misure specifiche rivolte ai bambini migranti nella prima infanzia e nell’istruzione primaria, mettendo a disposizione un supporto completo in grado di eliminare lo svantaggio educativo e le barriere culturali che sono costretti a vivere.

È l’obiettivo di ArtsTogether, progetto finanziato dalla Commissione europea – programma di azioni dell’Unione AMIF (Fondo Asilo, migrazione e integrazione) – che. nell’arco di due anni, ha coinvolto 5 paesi – Grecia, Italia, Austria, Belgio, Regno Unito – ognuno con differenti esperienze di popolazioni migranti.

Giovedì 5 e venerdì 6 dicembre a Roma i momenti di restituzione dei risultati con due specifici momenti, promossi da Mediter in collaborazione con l’Arci: il primo, dalle 10 alle 16, nella sede dell’Arci – Malafronte, in via dei Monti di Pietralata 16.

Dalle 10 alle 13 di venerdì 6, invece, ci si sposterà nello Spazio Europa, sede della Rappresentanza UE in Italia, a Palazzo Campanari, in via IV Novembre 149, per il  convegno dal titolo “I processi di integrazione dei giovani di origine straniera e la riforma della cittadinanza”, il cui fulcro saranno le scelte che i protagonisti della società civile e delle istituzioni dovranno compiere per favorire i processi di integrazione di quel milione di ragazze e ragazzi che oggi vivono in Italia da stranieri, ponendo fine alla discriminazione di cui oggi sono vittime, anche in vista dell’iter legislativo che vedrà impegnato il Parlamento nei prossimi mesi. Elemento centrale del dibattito sarà la valorizzazione della presenza di questi giovani nella nostra società, al fine di capire in quale direzione intende andare l’Unione Europea sul fronte dell’ integrazione.

Aprirà i lavori, introducendo il convegno, Victor Matteucci, presidente di Mediter, al quale seguirà l’intervento di Smaro Boura, dell’University of the Peloponnese (UoP).

A moderare il dibattito sarà Eleonora Camilli, giornalista di “Redattore Sociale”, sollecitando gli interventi del ricco parterre di relatori: il sindaco di Roma, Virginia Raggi; il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando;  Giuseppe Brescia, presidente della Commissione Affari Istituzionali della Camera dei Deputati, relatore della legge sulla riforma della Cittadinanza; Graziano Del Rio, capogruppo del PD alla Camera dei Deputati; Marwa Mahmoud, consigliera comunale del Comune di Reggio Emilia ed esponente del Movimento italiani senza cittadinanza; Nicola Marongiu, coordinatore Area Welfare CGIL Nazionale; Clarisse Niagne, presidente della ONG P’ORTE APERTE; Paolo Iafrate, docente dell’Università “Tor Vergata”. Concluderà i lavori Filippo Miraglia, della presidenza dell’ ARCI Nazionale, al quale spetterà il compito di raccogliere gli stimoli e le raccomandazioni che emergeranno al fine gettare le basi di possibili interessanti sinergie future.