Nando, il gatto edicolante in quel di Firenze

Siamo a Firenze, quartiere di Camporella, è il maggio del 2016. C’è  un’edicola il cui titolare è Daniele Muglia, in viale Sesto Fiorentino. Il suo destino si incrocia con un gatto, un gatto randagio arancione, Nando. Già, perché il gatto un giorno si avvicina all’edicola, con quel musetto che lo ha subito conquistato. In un attimo Daniele capisce che quel felino ha qualcosa che lo attrae. Si reca in un supermercato vicino per comprare dadmangiare al randagio.  Così, da quel giorno, inizia tra i due un rapporto particolare. Nando va a trovarlo quotidianamente e Daniele prepara un piccolo giaciglio dove il gatto può dormire la notte ed una cesta, così da poter rimanere all’interno dell’edicola. 
In poco tempo Nando diventa il gatto più famoso di Firenze, tanto che in molti vanno  a comprare i giornali, per poter vedere il micio sistemato spesso tra i giornali. 

Diventa, a poco a poco, la mascotte del quartiere di Camporella, un batuffolo di tenerezza che ormai è il vero e  proprio assistente di Daniele.
Del resto, come diceva Jules Verne: “Credo che i gatti siano spiriti venuti sulla terra. Un gatto, ne sono convinto, può camminare su una nuvola”.

Foto tratta dal web