Necropoli etrusca della Peschiera, un nuovo look per un pregevole sito a Tuscania

Un’eccezionale campagna di recupero realizzata in questo ultimo periodo. Si tratta della valorizzazione di un tesoro della Tuscia: la Necropoli etrusca della Peschiera a Tuscania.

Due settimane di lavoro grazie  al Gruppo Archeologico Città di Tuscania,  in collaborazione con il Comune di Tuscania e i Gruppi Archeologici d’Italia e d’intesa con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale.

Un risultato eccellente, un intervento di recupero che restituisce alla storia e agli appassionati, un sito  di pregevole valore.

Attraverso l’impegno dei volontari che hanno ripulito la necropoli, è stato possibile individuare una cava di vaste dimensioni. Tutto questo porta a pensare che  ci potesse essere stata una certa attività edilizia nella zona. Il materiale estratto, infatti, era usato nella realizzazione degli edifici pubblici, ma anche privati, nella zona interessata.

La Necropoli della Peschiera  era il luogo adibito alla  sepolture dei componenti delle gentes aristocratiche della città. Questo testimonia l’importanza di Tuscania nel periodo etrusco, come centro di scambi commerciali.

È di origine arcaica,  datata tra il VII ed il VI secolo a.C., anche se poi fu usata fino all’epoca romana.