Ringraziare, un cuore sensibile ed educato sa farlo

Un cuore educato e sensibile sa ringraziare. La vita è un dono e va vissuta, appunto, come dono gratuito. È la scuola di vita che  ci insegna a viverla come un dono unico e gratuito.

Come credenti è conseguenziale ringraziare e lodare il Creatore di tutto e di tutti noi.

Oggi è proprio la 69esima Giornata del Ringraziamento per i frutti della Terra e del Lavoro ed è bene fermarsi a riflettere. Fermarsi a ringraziare per un tramonto, per il bosco dove andiamo a camminare, per il dono della famiglia, degli amici, quelli veri che ti telefonano perché hanno saputo che stai male. Cuore, appunto.

Viviamo tempi difficili e molto molto superficiali, dove proprio l’egoismo impera sovrano.
L’apparire, l’essere considerato, il voler essere personaggi mediatici e pretendere dall:altro, non portano a ringraziare, a lodare il nostro Dio.
Le vicende dolorose, il far fatica ad arrivare a fine mese non portano a riflettere.
Tutto questo distorce il vero significato della vita, del dono, dell’altro. È semplicemente frutto di egoismo umani.

Ringrazie è semplicemente questione di cuore.