Roberta Ragusa, la Corte di Cassazione conferma la condanna per Antonio Logli

Da questa notte Antonio Logli sarà un detenuto. La Corte di Cassazione conferma la condanna a 20 anni.

“Roberta ha avuto la giustizia degli uomini oggi sono molto triste. È la cronaca di un omicidio che abbiamo sempre sostenuto. Logli è un mentitore”.
Così si esprime ai microfoni di Quarto Grado, l’avvocato dell’associazione Penelope, Nicodemo Gentile.
Logli sarà trasferito al carcere di Pisa,  sono astanno a notificargli il provvedimento della Corte di Cassazione di Roma.
la donna era scomparsa da San Giuliano Terme nel 2012 e non è stata mai più ritrovata Antonio Logli è stato sempre ritenuto responsabile sia in primo grado che in appello.
Esattamente 7 anni fa nella notte del 12 gennaio Roberta Ragusa sparisce dalla sua casa di Gello, una frazione del comune di San Giuliano Terme, in provincia di Pisa con indosso il pigiama.
Purtroppo le ricerche del suo corpo non hanno mai avuto esito e il marito ha sempre sostenuto che la moglie Roberta si fosse allontanata di sua iniziativa.
Questa sera a 7 anni da quella scomparsa la Cassazione chiude questa vicenda processuale. La testimonianza di Loris Gozi, teste chiave in questa vicenda,  è quindi ritenuta attendibile.
Ora manca il corpo, a cui dare sepoltura.