Sant’Angelo di Roccalvecce, è arrivato il ‘Benny Street Food’, per rifocillare i visitatori nel borgo delle fiabe

Sant Angelo di Roccalvecce, a pochi chilometri da Viterbo, è ormai  il borgo  delle fiabe.

Attraverso il mondo incantato delle favole sta rinascendo,  grazie all’ACAS, Associazione Culturale Arte e Spettacolo, presieduta da Gianluca ed Alessandro Chiovelli, rispettivamente presidente e  vice presidente, ai quali si affianca in qualità di stretto collaboratore, Agostino Selvetti.

Una bella realtà che piace, piace molto e a  il sta attirando sempre più  turisti e curiosi affascinati da questa  galleria a cielo aperto. Si tratta, infatti, di un percorso artistico tra murales ai quali, nel tempo, si sono aggiunti sculture, edicole, bassorilievi, mosaici. Il tema è il mondo delle favole e tutto questo per rianimare il paese, oltre alle ciliegie, altra caratteristica di Sant’Angelo.

Rianimare l’economia, attraverso l’arte popolare, diventando nel tempo il punto di riferimento di artigiani, pittori, street art.

La scorsa domenica, un’altra importante novità per Sant’Angelo di Roccalvecce. È stato aperto il “Benny street food“, in via Monteverde 6. Un punto di ristoro per i turisti, un punto di accoglienza dove fermarsi per una pausa tra hot dog, hamburger e patatine fritte.

Una novità subito ben accolta, per rifocillare i numerosi visitatori che si stanno recando nel borgo della Teverina. Osserva i seguenti orari:  8:00 -13:00  e 17:00-20:00, dal lunedì al venerdì. Sabato e domenica aperto anche a pranzo, con orario 8:00-21:00.

Presente all’inaugurazione anche Chiara Frontini, il consigliere del Comune di Viterbo, che sin dall’inizio ha sostenuto il progetto dell’associazione Acas.

Chiara Frontini

Foto a cura dell’associazione ACAS