Ufficializzata la sede del Consolato della Repubblica del Malì a Milano

Riceviamo e pubblichiamo da sidash/zamato

Sabato 19 Ottobre 2019 c’è stata l’ufficializzazione della sede del Consolato della Repubblica del Malì in Milano.

Presente Sua Eccellenza l’Ambasciatore che ha onorificato l’Avv.to Zacheo Francesco della carica di Console Onorario, la consegna della bandiera ufficiale e elogiando l’importanza della presenza di una rappresentanza di tale entità in Milano e nel nord Italia.

Dopo le ritualità è stato inevitabile l’esprimere emozioni e presentazioni, nonché i progetti immediati di collaborazione e di sostegno reciproco.

I presenti sono esplosi in uno spontaneo applauso, quando il Console onorario ha presentato la sua volontà di svolgere nel migliore dei modi il suo compito istituzionale, ma si è espresso anche nella volontà di essere presente anche per ogni eventuale esigenza legale a favore dei cittadini maliani, mettendo a disposizione (anche di altri cittadini stranieri) la sua competenza di Avvocato in questo settore.

L’Avv.to Zacheo, come riportato dall’Ambasciatore, è stato scelto perché, ritenuta persona qualificata e con grande preparazione e pertanto, in grado di rappresentare il Paese africano e seguire ogni cittadino di tale origine con perizia e determinazione, nel rappresentare i diritti dell’uomo e pertanto qualificata per sostenere e tutelare i maliani in Italia.

Questo nella consolidazione di un legame e una collaborazione tra il Malì e l’Italia:  “Signor Console, questo è il segno dell’onore e della dignità del Malì, questo è il segno della resistenza del popolo maliano, di coloro che son qui e che rispondono della nazionalità maliana meritano del rispetto e della dignità a causa di questo; il senso della nostra presenza qui in Italia è per il rispetto di questa bandiera tricolore, i maliani stanno morendo al Centro e nel Nord a causa di questa bandiera. È il senso del sangue maliano versato dalla creazione del nostro Paese, voglio che sia il ricordo, in tutti i giorni e ogni volta che ci sarà un maliano presente di fronte a lui, e non importa per quale problema nel rispetto della legge di questo Paese, che abbia una sola cosa in testa nel rispetto di questi colori ha l’obbligo di accompagnare ogni maliano, assisterlo, di proteggerlo. Questa è la missione che io le consegno per l’onore e la dignità del Malì. Vi invitiamo ad esporre la bandiera all’esterno, così che ogni volta che un maliano passerà di qua dirà: “Qua si trova una parte del mio Paese, c’è qualcuno che rappresenta il mio Paese” e questo è avvenuto alla consegna della bandiera”.

Il Console ha  sottolineato  l’impegno che ha anche come Avvocato, sottolineando la disponibilità di curare anche gli aspetti giudiziari (come già avviene in collaborazione con altri cittadini non italiani).

In aggiunta all’impegno istituzionale richiesto, riguardante la difesa dell’onore del Malì, direttamente con l’Ambasciatore e con lo staff in Roma, per i cittadini maliani giunge nuova e affascinante la possibilità di avere una difesa in ogni situazione di bisogno.

I collaboratori del Console sono convinti che la conoscenza della lingua e della cultura italiana sia il modo più efficace per facilitare il perfezionamento delle collaborazioni tra i due popoli.